Ne avevamo sentito parlare di questo documentario e vedendolo ne riesci a cogliere tutta la potenza.
“Piigs – Ovvero come imparai a preoccuparmi e a combattere l’austerity” è un film documentario girato da tre filmakers italiani (Adriano Cutraro, Federico Greco e Mirko Melchiorre) che racconta l’attuale crisi economica europea grazie agli interventi di prestigiosi studiosi di economia provenienti da tutto il mondo e da un affascinante voce narrante dietro cui si cela Claudio Santamaria.

Ma cosa significa Piigs? Piigs è un acrononimo, e per chi conosce un briciolo di inglese, coglie subito la connotazione dispregiativa. E’ stato l’Economist nel 2009 ha coniare questa definizione per cinque paesi dell’Europa: Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna identificati come maiali in quanto a causa della loro identità (corruzione, mafia), dei loro problemi strutturali (burocrazia inefficace, disoccupazione, debito pubblico) hanno causato problemi all’intera europea. La ricetta per guarirli? L’Austerity.

Man mano che passano i minuti di Piigs nella testa ti si formula una domanda: ma i vincoli dettati dell’Austerity sono poi così efficaci per superare la crisi? NoamChomsky (filosofo e linguista), Yanis Varoufakis (ex ministro delle finanze greco), Stephanie Kelton (economista statunitense), Warren Mosler (esperto di sistemi monetari), Paul De Grauwe (London School of Economics) ed Erri De Luca (scrittore) ci aiutano a comprendere la risposta e a cogliere l’amara conclusione alla fine del documentario: la risposta è no.

Un documentario ben fatto, chiaro, che ti suggerisce riflessioni e ti scuote dal torpore. Andate a vederlo e poi fateci sapere che ne pensate!